Questo sito utilizza solo cookie tecnici e analytics di terze parti che rispettano i requisiti per essere equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici.
Pertanto non è richesta l’acquisizione del consenso.

Informativa Chiudi

Dichiarazioni sostitutive di certificazioni

Visualizzazioni

14

Ultimo aggiornamento:

lunedì 30 agosto, 2021

La dichiarazione sostitutiva di certificazione è una dichiarazione che l’interessato può presentare a Pubbliche Amministrazioni, gestori o esercenti di pubblici servizi (che sono obbligati ad accettarla) e a privati che lo consentono.
Può contenere informazioni relative ai seguenti stati, qualità personali e fatti:

– data e il luogo di nascita;
– residenza;
– cittadinanza;
– godimento dei diritti civili e politici;
– stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero;
– stato di famiglia;
– esistenza in vita;
– nascita del figlio, decesso del coniuge, dell’ascendente o discendente;
– iscrizione in albi, in elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni;
– appartenenza a ordini professionali;
– titolo di studio, esami sostenuti;
– qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di qualificazione tecnica;
– situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;
– assolvimento di specifici obblighi contributivi con l’indicazione dell’ammontare corrisposto;
– possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell’archivio dell’anagrafe tributaria;
– stato di disoccupazione;
– qualità di pensionato e categoria di pensione;
– qualità di studente;
– qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili;
– iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo;
– tutte le situazioni relative all’adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio;
– di non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa;
– di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali;
– qualità di vivenza a carico;
– tutti i dati a diretta conoscenza dell’interessato contenuti nei registri dello stato civile;
– di non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato.

Tale dichiarazione va resa firmata davanti all’ufficiale della Pubblica Amministrazione addetto a riceverla, senza bisogno di autentica di firma.

A chi si rivolge

Quando si devono fornire informazioni certificabili a Pubbliche Amministrazioni, gestori di pubblici servizi e privati che le accettano

Cosa serve

La dichiarazione sostitutiva di certificazione è una dichiarazione che l´interessato può presentare a Pubbliche Amministrazioni, gestori o esercenti di pubblici servizi (che sono obbligati ad accettarla) e a privati che lo consentono

Tempi e scadenze

Immediati: basta compilare il modulo predisposto nelle parti che interessano e firmarlo

Ulteriori informazioni

Confermato

Art.46 D.P.R. n.445 del 28 dicembre 2000

Ultimo aggiornamento

30/08/2021