SCIA per somministrazione di alimenti e bevande  

CHE COSA È E A CHE COSA SERVE :  

La SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività è una dichiarazione del soggetto che intende intraprendere un'attività oppure segnalarne le modifiche o la cessazione. Sostituisce la richiesta di Autorizzazione Amministrativa.

Per somministrazione all’interno di pubblici esercizi, si intende la vendita per il consumo sul posto di alimenti e bevande, sia all’interno dei locali dell’esercizio, sia su area attrezzata aperta al pubblico. Per pubblici esercizi si intendono ad esempio bar, tavole fredde, ristoranti.

Requisiti soggettivi per l’esercizio dell’attività:
-possesso dei requisiti soggettivi (morali e professionali) previsti dall’art. 71 del D.Lgs. n. 59/2010;
-assenza di pregiudiziali ai sensi della Legge antimafia.
Il possesso dei requisiti morali deve essere autocertificato dal legale rappresentante e da tutti i componenti del consiglio di amministrazione in caso di SPA e di SRL, dai soci accomandatari in caso di SAS, dai soci amministratori nel caso di SNC.
È possibile nominare un delegato alla somministrazione anche se il richiedente è persona fisica.

Requisiti oggettivi per l’esercizio dell’attività:
I pubblici esercizi devono possedere la giusta destinazione urbanistica ed i requisiti tecnici ed igienico-sanitari previsti dalle norme di legge e regolamenti vigenti in materia.
Al fine del rilascio dell’autorizzazione occorre accertare:
. la conformità del locale ai criteri stabiliti con D.M. n. 564/1992;
. la disponibilità dei parcheggi;
. la previsione di impatto acustico e ambientale.

DOVE RIVOLGERSI :  

UFFICIO S.U.A.P.

Palazzo Comunale, Piazza Mazzini, 19

COSA OCCORRE FARE PER :  

Per aprire un pubblico esercizio non collocato in zona sottoposta a tutela, occorre presentare la SCIA mod. A (che ha duplice funzione, in quanto fa anche da notifica igienico-sanitaria), scheda 1, scheda 2, scheda 5, planimetria, comunicazione estremi relativi alla prevenzione incendi (che vengono indicati nella scheda 5) e, qualora richiesti, autocertificazione attestante la disponibilità di parcheggi secondo quanto previsto dallo strumento urbanistico, la documentazione di previsione di impatto acustico, documentazione idonea a dimostrare la disponibilità del locale, comunicazione denominazione attività, comunicazione orari di aperture/chiusura osservati dal pubblico esercizio, copia del documento di riconoscimento del dichiarante in regolare corso di validità, ricevuta versamento diritti. La planimetria deve essere in scala 1:100 e deve contenere l´indicazione della superficie totale del locale e di quella destinata all´attività di somministrazione in metri quadrati.

Alla SCIA dovranno essere allegati:

. autocertificazione inerente la disponibilità dei parcheggi;

. documentazione di previsione di impatto acustico;

. dichiarazione di sorvegliabilità dei locali;

. descrizione orari e attrazioni;

. denominazione all´insegna;

. scheda 1;

. scheda 2;

. scheda 5.

La sospensione deve essere comunicata a partire dal 31° giorno e può durare al massimo un anno. nel caso in cui la sospensione superi 6 mesi è indispensabile allegare autorizzazione originale e al termine del periodi di sospensione, comunicare la riattivazione dell´attività. Entrambe le comunicazioni devono essere inoltrate con SCIA mod.B, copia del documento di riconoscimento del dichiarante e ricevuta versamento diritti.

QUANDO :  

La SCIA va presentata prima di iniziare l´attività, la quale può essere iniziata dal giorno del ricevimento della ricevuta emessa dal portale "impresainungiorno".

TEMPI :  

La Pubblica amministrazione controlla quanto autodichiarato dal segnalante. Al termine del controllo, qualora accerti la mancata rispondenza al vero di quanto dichiarato, adotta, nel termine di sessanta giorni dal ricevimento (art. 19, comma 3- prima parte), un provvedimento diretto a vietare la prosecuzione dell´attività, previo invito rivolto al titolare a conformare l´attività alle norme violate, assegnando un termine non inferiore a 30 giorni per conformarsi´ alla normativa vigente.

COSTI :  

(Deliberazione di Giunta Comunale n. 45 del 27.5.2015) Segnalazione certificata di inizio attività. Parere preventivo Euro 30,00. Apertura attività Euro 50,00. Modifiche attività esistente, subingresso Euro 25,00. Modalità di versamento: tesoreria della Città di Cardano al Campo: Agenzia 01225 ­ Banca Popolare di Milano, via Roma 73, 21010 Cardano al Campo (VA) IBAN: IT52S0558450070000000000610 Conto: 00610 ABI: 05584 CAB: 50070 BIC: BPMIITMMXXX Oppure ccp 20006219 Intestato a Comune di Cardano al Campo Sono dovuti i diritti ASL nella misura di euro 35,05 da versare su ccp n. 10852218 intestato a ASL Varese Tesoreria SCIA, causale: diritti sanitari SCIA (indicare denominazione o insegna)

NORMATIVA :  

Legge Regionale 2 febbraio 2010 n. 6 - Testo unico delle leggi regionali in materia di commercio e fiere

RESPONSABILE :  

Sabrina Bianco

ALLEGATI

Versione Stampabile Versione Stampabile