Distretto diffuso del commercio Malpensa Sud

PRESENTAZIONE DEL DISTRETTO DIFFUSO DI RILEVANZA INTERCOMUNALE MALPENSA SUD


Il distretto Diffuso di Rilevanza intercomunale Malpensa Sud fa riferimento alla creazione di un Distretto Diffuso condiviso dai Comuni di Cardano al Campo, Samarate, Lonate Pozzolo, Ferno e Vizzola Ticino.
L’Accordo di Distretto venne siglato in data 28 gennaio 2010.
Con Decreto n. 4735 del 10 giugno 2015, Regione Lombardia ha conferito a Cardano al Campo il ruolo di capofila del Distretto Diffuso del Commercio Malpensa Sud ( VA DiD 16).
Il Distretto si colloca in un’area in cui gli indirizzi di politica settoriale e di sviluppo commerciale dati da Regione Lombardia, in particolare proprio con riferimento ai Distretti Urbani e Diffusi del Commercio, possono essere pienamente condivisi e colti dal territorio. In questo senso è significativa l’azione della Camera di Commercio di Varese e delle Associazioni di categoria: ASCOM Gallarate e confesercenti.
In attuazione di ciò, le suddette associazioni hanno promosso (coinvolgendo altri partner) in Provincia di Varese, la creazione di quattro Distretti del Commercio sul territorio:
• Distretto urbano del Commercio di Cassano Magnago (comune singolo);
• Castelli Viscontei (Comuni di Jerago con Orago, Arsago Seprio, Besnate, Cavaria con Premezzo e Solbiate Arno come partner);
• Malpensa Nord Ticino (Comuni di Somma Lombardo, Golasecca, Sesto Calende, Varano Borghi e Vergiate);
• Malpensa Sud (Comuni di Cardano al Campo, Samarate, Lonate Pozzolo, Ferno, Vizzola Ticino).
I quattro Distretti, pur essendo definiti con riferimento alle specifiche realtà comunali e micro territoriali, non solo sotto l’aspetto dell’offerta commerciale, ma anche con riferimento alla dimensione turistica e allo sviluppo sociale ed economico più in generale, presentano necessariamente alcune evidenti similarità e omogeneità dovute a ragioni di coerenza.
I quattro distretti sono tra loro confinanti ed occupano un’area vasta dove sono peculiari la stessa struttura urbanistica che evidenzia una continuità dei territori e una situazione osmotica derivante da due rilevanti presenze: l’aeroporto Intercontinentale della Malpensa e il polo fieristico di Milano. Tutti i quattro Distretti devono confrontarsi con citta di rango superiore, con centri storici affermati e DUC (Distretti Urbani del Commercio) già avviati (Gallarate e Busto Arsizio) e la presenza di grandi strutture di vendita collocate in Provincia di Milano e di Novara.
Inoltre, in un’area così racchiusa geograficamente, le fonti statistiche e informative sono inevitabilmente comuni e condivise ( si fa riferimento, per esempio, agli studi congiunturali realizzati a livello provinciale dalla camera di Commercio).
Un terzo fattore di omogeneità riguarda le linee di indirizzo strategico: pur rispettando e anzi cercando di valorizzare le rispettive vocazioni, è fondamentale sviluppare strategie e azioni coerenti con gli indirizzi forniti dagli strumenti di pianificazione territoriali sovraordinati.
Un quarto fattore di omogeneità riguarda i contenuti delle principali aree tematiche di intervento che derivano da contesti simili e dalla condivisione delle tematiche proposte da Regione Lombardia, come percorsi di sviluppo forieri di benefici sul piano della competitività del commercio diffuso sul territorio.
Il Distretto Malpensa Sud si distingue per la maggiore “dipendenza” da Malpensa. Infatti, pur in misura nettamente minore che in passato, a causa della drastica riduzione dell’attività dell’Aeroporto stesso, l’offerta commerciale è ancora caratterizzata dall’indotto da esso generato e anche la domanda turistica ne risulta collegata. La peculiarità di tale domanda turistica, a differenza di quanto avviene o sarebbe meglio dire, avveniva, per il Distretto Malpensa Nord Ticino, è di natura principalmente di tipo business “travel”.


Ultima modifica: 12/02/2016